vini / / CRISIO

CRISIO

Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG Classico

13-13,5% vol

Temperatura di servizio: 11-12°C

Uve: Verdicchio
Tipo di vino: Bianco secco


Vendemmia:
In tre fasi, anticipata, normale e surmatura

Crisio nasce in fasi e momenti separati, divisioni di qualità che riescono con pazienza ed attesa a realizzare un vino armonico, unico, un vino che torna alle origini grazie ad un processo di separazione che conduce al risultato perfetto.
Un grande Verdicchio “Riserva” molto longevo, da stappare anche dopo 8-10 anni di vita.

Crisio viene prodotto dai vigneti che si trovano nella zona di Serra de’ Conti, adiacenti all’azienda vinicola, su un terreno di medio impasto con esposizione sud-ovest.
Una sua particolarità tecnica è la fermentazione che in un primo momento avviene in serbatoi di legno e successivamente in acciaio. La fase dell’affinamento avviene per oltre un anno in acciaio ed un piccola parte su botte grande di legno, poi in bottiglia per almeno un altro anno.

Colore: Giallo paglierino con riflessi verdi.
Profumo: Nota aromatica pronunciata di freschezza e sentori persistenti di agrumi, fiori bianchi, frutta bianca ed erbe aromatiche.
Sapore: Corpo pieno, complesso, elegante, fresco, minerale, sapido con una piacevole contaminazione acidula e un finale persistente.

Abbinamenti:
Si abbina perfettamente con qualsiasi piatto importante di frutti di mare e molluschi, come crostacei e crudità, ma è ottimo anche per i primi piatti con erbe aromatiche, funghi e tartufi, o con formaggi semi-stagionati.


Vendemmia

ANTICIPATA

Questa tipologia di raccolta dell’uva avviene solitamente ad inizio settembre, in previsione di produrre vini che abbiano come caratteristiche principali un ottima freschezza e acidità.

NORMALE

E’ la vendemmia tradizionale che si svolge nei mesi di settembre e ottobre, permettendo una raccolta che consenta il giusto equilibrio di zucchero e acidi nel vino prodotto.

SURMATURA

In questo caso, per ottenere vini di elevata struttura, si procede con la raccolta nella seconda metà di ottobre, in modo che i grappoli abbiano raggiunto un grado di maturazione molto alto. I vini prodotti da questo tipo di vendemmia tardiva saranno sicuramente corposi, esaltati nella loro morbidezza e struttura.